Previdenza Vita - AssicuraFacile

Broker Assicurativo
Vai ai contenuti

Previdenza Vita

Garanzie
Previdenza Vita
Le Nostre offerte Previdenziali, per il Vostro futuro.  
Il Vostro domani?   Iniziate a pianificarlo oggi.   
Costruite un Piano di Previdenza Integrativa per le vostre esigenze.
Nel corso degli anni il sistema pensionistico è mutato progressivamente, ed è ormai certo che la pensione erogata dallo Stato non sarà più sufficiente. Se il lavoratore vuole assicurarsi un livello adeguato di tutela previdenziale, deve integrare la pensione pubblica con prestazioni aggiuntive. AssicuraFacile ha eseguito una selezione dei migliori prodotti previdenziali di natura assicurativa presenti oggi sul mercato.
Previdenza complementare: come funziona?
L’adesione alla previdenza integrativa è sempre volontaria ed è aperta a tutti: lavoratori, soggetti fiscalmente a carico, persone inoccupate o studenti. E’ possibile aderire in forma individuale oppure in forma collettiva, se previsto dalla contrattazione collettiva della categoria lavorativa di appartenenza.
Gli aderenti alla previdenza complementare sono liberi di scegliere la frequenza e l’ammontare dei versamenti al fondo pensione. Inoltre, oltre o in aggiunta ai versamenti volontari, i dipendenti privati possono scegliere di destinare alla previdenza complementare il proprio TFR maturando.
Al momento dell’adesione gli aderenti alla previdenza complementare possono scegliere anche la linea di gestione (garantita, obbligazionaria, bilanciata o azionaria) più in linea con il proprio profilo. Tale scelta potrà poi essere modificata nel tempo così da restare sempre in linea con il proprio profilo. Quanto versato al fondo pensione viene investito nei mercati finanziari al fine di generare rendimenti.
Una volta raggiunti i requisiti di pensionamento nel proprio regime pubblico di appartenenza e dopo almeno cinque anni di partecipazione al fondo pensione è possibile richiedere l’erogazione della prestazione finale.
Previdenza complementare: tipologie di fondi pensione
Gli aderenti alla previdenza complementare possono scegliere tra diverse tipologie di strumenti. Infatti, a seconda della tipologia di adesione e del soggetto che li istituisce i fondi pensione si distinguono in tre categorie:

  • Piani Individuali Pensionistici – PIP: vengono istituiti dalle compagnie di assicurazione e ammettono esclusivamente l’adesione di tipo individuale. Si rivolgono a tutti, a prescindere dalla propria situazione lavorativa (ad. esempio anche ai soggetti fiscalmente a carico, studenti, bambini)

  • Fondi pensione aperti: vengono istituiti da banche, SGRsocietà di gestione del risparmio, SIM – società di gestione immobiliare e da assicurazioni. Può aderirvi chiunque, indipendentemente dalla propria situazione lavorativa e sono aperti sia alle adesioni individuali, che a quelle collettive

  • Fondi pensione chiusi o negoziali: vengono istituiti sulla base di accordi tra i datori di lavoro e le organizzazioni sindacali. Si rivolgono esclusivamente a specifiche categorie di lavoratori (ad esempio chimici, esercenti le professioni sanitarie, metalmeccanici) ed è possibile aderirvi solo in forma collettiva.
Previdenza complementare TFR
I lavoratori dipendenti privati hanno la possibilità di destinare alla previdenza complementare anche il proprio tfr – trattamento di fine rapporto maturando. Versare il tfr alla previdenza complementare conviene per diversi motivi:
  • la tassazione applicata in fase di erogazione sarà inferiore: il tfr lasciato in azienda viene tassato con un’aliquota IRPEF media degli ultimi cinque anni di lavoro (le aliquote IRPEF vanno da un minimo del 23%) mentre il tfr versato al fondo pensione viene tassato con un’aliquota che va da un massimo del 15% fino ad arrivare ad un minimo del 9%.
  • il tfr destinato alla previdenza complementare rende tendenzialmente di più rispetto alla normale rivalutazione del tfr lasciato in azienda (così come confermato anche dai dati pubblicati nella relazione annuale della Covip)
  • il tfr versato al fondo pensione è intoccabile sia da parte dei creditori del gestore del fondo che da quelli dell’aderente
  • rispetto alla richiesta di anticipazioni del tfr lasciato in azienda, se il tfr viene destinato alla previdenza complementare l’aderente ha più vie per accedere in anticipo alle somme accumulate e può richiedere l’anticipazione di percentuali maggiori.
Vantaggi fiscali della previdenza complementare
La previdenza complementare è una forma di risparmio incentivata dallo stato attraverso la previsione di numerosi vantaggi fiscali, con l’applicazione del sistema fiscale E-T-T. Questo prevede l’applicazione di un’esenzione in fase di contribuzione, grazie alla deducibilità dei contributi versati alla previdenza complementare e l’applicazione della tassazione agevolata sui rendimenti e sulla prestazione finale.
In particolare, gli aderenti possono portare in deduzione i contributi versati alla previdenza complementare fino a ben 5.164 euro all’anno. Come? Indicando i versamenti fatti alla previdenza complementare nel 730.
Anche la tassazione della prestazione finale è agevolata, essendo applicata la ritenuta a titolo d’imposta con un’aliquota massima pari al 15% che, dopo 15 anni di partecipazione al fondo pensione, diminuisce dello 0,30% per ogni ulteriore anno di partecipazione, fino ad arrivare ad un minimo del 9%.
Previdenza complementare regime forfettario: come funziona?
Per coloro che sono soggetti al regime forfettario e aderiscono alla previdenza complementare si applica una disciplina lievemente diversa. Infatti, è possibile dedurre i versamenti fatti alla previdenza complementare, esclusivamente nel caso in cui, oltre al reddito da regime forfettario l’aderente è in possesso anche di altri redditi da dichiarare ai fini IRPEF in regime ordinario. Resta in ogni caso il limite di deducibilità pari a 5.164,57 euro annui.
Organo di Controllo
La Commissione di vigilanza sui fondi pensione (Covip) ha il compito di vigilare e garantire trasparenza e correttezza dei comportamenti delle forme pensionistiche complementari.


Domande?



Ti aiutiamo noi.

Casa
Richiedi un Preventivo
Donazioni Immobiliari
Richiedi un preventivo
Famiglia
Richiedi un Preventivo
Mobilità
Richiedi un Preventivo
Mobilità
Richiedi un Preventivo Veloce
Previdenza Vita
Richiedi un Preventivo
RC Professionale
Richiedi un Preventivo
Protezione Studio
Richiedi un Preventivo
Tutela Legale Libera Professione
Richiedi un Preventivo
Commercio
Richiedi un Preventivo
Fatturato Industria
Richiedi un Preventivo
Yatch
Richiedi un Preventivo
Marine & Avation - Trasporti
Richiedi un Preventivo
CVT - DPC
IL PRIMO PASSO
È  STIMARE
LA TUA SITUAZIONE PENSIONISTICA.
ATTENZIONE
Tutte le garanzie vengono erogate secondo le condizioni di polizza del singolo prodotto assicurativo, è bene non sostituire mai interamente una spiegazione del prodotto, come quella da noi esposta, alla integrale lettura del fascicolo informativo in fase di emissione di polizza

AssicuraFacile srl
R.E.A. RM-1514709 -  C.F. IT 14346081004 - P.IVA 14346081004
Società soggetta al controllo IVASS  -RUI B000589944
©2019 by Aurino Broker  WebSite
Lascia i tuoi dati e verrai ricontattato
dai nostri uffici il prima possibile.
Broker Assicurativo

Torna ai contenuti